a Franco Scataglini


Ho appreso sensi freschi
e sorridenti delle comuni cose
poesia di confidenti e apertissime
musiche
non suadenti, ma utili
a dissipare l'eloquio e il vanto.

Un sentiero mi hai dato
non indicato, ma da tracciare
e cercare fra sterpi
che ora vale la pena traversare.